RSS

Massively Hands-On (PAX)

Ho iniziato la Demo standard, ed era ovvio che avrei scelto un Elementalista. Ho selezionato un dignitoso nobile e l’ho fatta correre nel tutorial di Shaemoor, prendendomi il tempo per dare un’occhiata alle sue abilità. Molte abilità risultavano bloccate, e passando sulla barra veniva evidenziato il fatto che dovrebbero divenire disponibili più avanti nel gioco.

Alla fine del mio timer per la Demo le cose si sono fatte realmente interessanti. Alcuni membri dello staff di ArenaNet che erano nei paraggi sono stati così gentili da farmi fare un ulteriore tour esteso con un account di uno degli sviluppatori.

Abbiamo iniziato con l’analizzare il sistema di colorazione. E’ anni luce avanti rispetto al sistema attuale, con ogni pezzo dell’equipaggiamento che contiene parti colorabili separatamente. Anziché raccogliere fiale di tintura, è possibile accedere fin dall’inizio ad un generoso set di 11 colori base. Durante il gioco è possibile sbloccare ulteriori set di colori. Questi comprendono colori con tonalità luccicanti (simil-gioielli), neutrali, caldi e freddi, oltre al raro “Set della Mezzanotte”, che contiene il vero e proprio colore nero. Se pensate di aver trovato un colore che vi piace è sufficiente cliccarci col tasto destro per aggiungerlo fra i Favoriti. La finestra che abbiamo visto conteneva circa un centinaio di colori, ma una volta che tutto sarà sbloccato ci saranno altre diverse centinaia di colori..

Il sistema di sbloccaggio dei colori è esteso a tutto l’account, anzichè essere specifico per un personaggio, ed è a questo punto che ho appreso che l’estensione a tutto l’account sarà un principio valido per praticamente ogni feature. “Ogni cosa è estesa all’account questa volta. Achievement, Titoli, perchè in passato avevamo questo sistema misto con Titoli per metà di account e per metà del personaggio, ma questa volta non avrebbe funzionato. Semplicemente le cose hanno più senso in questo modo”.

Dopo aver finito di analizzare il sistema di colorazione, è venuto il momento di visitare qualche luogo storico. Il nostro primo viaggio è stato quello verso le rovine del Tempio delle Ere, qualcosa che ero veramente ansioso di vedere coi miei occhi da molto tempo. Kormir ha avuto una sua statua in questo luogo a quanto pare, ma sfortunatamente ci siamo persi i suoi tempi d’oro. Al tempo di Guild Wars 2, la statua di Kormir è abbattuta e sommersa. Abbiamo anche fatto visita a Grenth (anch’esso abbattuto e sommerso), Melandru (parzialmente sommerso) e Dwayna. La nostra visita succesiva è stata al Tempio della Serenità, una zona familiare abitata attualmente da solitari fantasmi ascaloniani.

Beetletun è stata la successiva tappa storica, ma non è la Beetletun che potete vedere al momento in Guild Wars.  E’ sfuggita alla rovina che ha interessato le altre zone ed ha prosperato grazie a Lord Beetletun. Ci sono terre coltivate in tutta l’area circostante, una prominente statua di Lord Beetletun del suo cane, una grande casa in cui è possibile entrare ed esplorare, e l’enorme tenuta di Lord Beetletun. Ho chiesto se la tenuta sia un’area in cui i giocatori possono entrare e muovari, ma la risposta è stata una pausa di silenzio seguita da un occhiolino. Mistero!

Abbiamo esplorato una fattoria subito fuori Beetletun che era stata bruciata dai centauri. Gli occupanti della fattoria erano molto infelici della loro condizioni attuali, ma eravamo in missione esplorativa, perciò siamo passati oltre con un saluto e un augurio di buona fortuna. Andando avanti abbiamo superato svariati Eagle Raptors, un familiare tipo di nemici per me molto spiacevole. Superando i Raptor e un certo numero di conigli, siamo incappati in un Evento Dinamico.

Lungo la strada abbiamo trovato un NPC accompagnato da un bue particolarmente sovraccaricato che stava trasportando rifornimenti per il carnevale di Beetletun e aveva bisogno di un pò di muscoli per garantire la sua sicurezza lungo la via. Abbiamo accettato di aiutarlo, ma grazie al sistema di eventi dinamici, qualunque giocatore avesse voluto unirsi avrebbe potuto farlo, portandoci solo benefici.

La nostra tappa finale è stata in Beetletun, dove abbiamo casualmente trovato un indizio testuale, il quale affermava che le bucce di mela sono deliziose e che avremmo dovuto prendere in considerazione il fatto di approfondire la questione. Ci sono molti indizi ed eventi in cui compaiono nuvolette testuali, sempre accompagnate da un doppiaggio vocale, e quando ci si trova nelle vicinanze di qualcosa di questo tipo è sempre possibile ascoltare l’indizio e leggere il testo.

Il comparto visivo è eccellente — gli artisti hanno utilizzato i familiari concept art come forma di arte nel gioco, e se tenete gli occhi aperti durante i vostri viaggi potete trovare dei lavori eccezionali praticamente ovunque — da piccole pitture all’interno degli edifici a grandiosi dipinti murali.

A questo punto, ero un pò in ritardo per la presentazione sulla progettazione degli Eventi Dinamici, il mio telefono stava squillando, e mi sono dovuto imporre di allontanarmi — un compito davvero difficile.

 

Una risposta a “Massively Hands-On (PAX)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: