RSS

Intervista dal Paris Games Week

30 Ott

Il fansite francese Mondes Persistants ha pubblicato una intervista realizzata durante la manifestazione parigina del Paris Games Week. Purtroppo l’intervista lascia intendere il fatto che dovremo aspettare ancora un pò per avere nuove succose notizie sul gioco, in quanto molti aspetti sono ancora in sviluppo ed ArenaNet non è disposta a parlarne fintanto che non saranno completati. Vi riporto di seguito la traduzione integrale dell’articolo.

D: Avete annunciato recentemente che svelerete tutte le professioni entro la fine dell’anno. E’ così?

R: Buon tentativo… ma non abbiamo mai detto nulla del genere. Non so da chi abbiate avuto una simile informazione, ma certamente non da noi. Si tratta probabilmente di una interpretazione erronea. Mostreremo le nuove classi quando riterremo che sarà il momento giusto per farlo. Non abbiamo mai detto che le avremmo mostrate entro la fine dell’anno.

D: GW1 è stato molto apprezzato per l’aspetto PvP. Per il momento avete parlato solo del lato PvE di GW2. Avete qualche solida informazione da darci per confermare ai molti fan in attesa che anche GW2 sarà fortemente orientato verso questo aspetto?

Si, ma come sapete, anche se non abbiamo ancora mostrato nulla del PvP, questo è comunque un aspetto su cui stiamo costantemente al lavoro. La demo che stiamo presentando si focalizza principalmente sul PvE ma il PvP resta un lato importante di GW2, ed è qualcosa in cui investiremo una grande quantità di tempo e risorse… solo per il momento non abbiamo abbastanza dettagli che vogliamo rivelarvi. I due grandi aspetti di cui abbiamo parlato molto sono le due modalità, il World vs World, in cui tre mondi si affrontano su un grande territorio, e la modalità competitiva. E questo è realmente il cuore di cui abbiamo già parlato, mentre non abbiamo aggiunto ulteriori dettagli principalmente perchè stiamo ancora lavorando su molti di essi, e si tratta di qualcosa che intendiamo presentare solo quando sarà ben rifinito e tirato a lucido.
Quindi, si, ci siamo focalizzati sull’aspetto PvE per mostrarlo a tutti, mentre il PvP è ancora in lavorazione. Ma ogni singolo giorno mi trovo a giocare il PvP, e il lavoro sta progredendo ed è qualcosa in cui stiamo veramente impiegando molto tempo e risorse, e vi assicuro che questo aspetto non sarà trascurato, anzi, è molto importante per noi, ma semplicemente non siamo ancora pronti per parlarne.

 

D: GW senza un sistema di Gilde è come pane senza burro. Potete darci qualche anticipazione su ciò che ArenaNet ha in serbo da questo punto di vista?

Abbiamo speso molto tempo per avere tutto pronto per il Gamescom e per allora non era molto importante la presentazione del Guild System, in quanto lo scopo della demo era quello di far provare il gioco e valutarne i vari aspetti, dunque abbiamo impiegato le nostre energie per permettere a chiunque di testare queste cose. Dunque molte features, come le Squadre, e il Guild System, sono ancora in sviluppo, ed è nostra intenzione renderle al meglio possibile. Abbiamo molte idee e molte cose che vogliamo introdurre ed è nostra intenzione mettere la massima cura in ogni aspetto del gioco. Si, avremo un sistema di Gilde, ma so già quali possibilità offrirà? No, ci stiamo ancora lavorando e non c’è molto di cui parlare al momento, perchè vogliamo presentare le cose una volta che sono terminate e pronte per essere mostrate. Sappiamo che si tratta di un aspetto importante delle features sociali a cui tutti tengono molto, e dunque vogliamo essere certi di mettere molta cura nella sua realizzazione.

D: Molti giocatori lamentavano la carenza di possibilità nel crafting dell’originale Guild Wars. Che cosa avete in mente per GW2? Punterete ad un sistema “base” (armi, armature e consumabili) o state progettando un sistema più complesso? Assomigliera di più al crafting di World of Warcraft o a quello di Star Wars Galaxyes?

Come per molti altri dei nostri sistemi, ci stiamo ancora lavorando, ma il Crafting System è veramente qualcosa in cui stiamo cercando di muoverci nella giusta direzione. Vogliamo fare in modo che il nostro sistema risulti molto profondo, e questo includerà il sistema di crafting, e includerà interessanti bonus, dunque si, cercheremo di realizzare un potente sistema di crafting. Ma per i dettagli, come detto prima, non posso aggiungere molto, ma abbiamo un forte sistema di crafting e si tratta di qualcosa che costituisce un valore aggiunto al gioco stesso. E’ uno dei più grandi aspetti su cui stiamo lavorando ed è qualcosa che stiamo sviluppando come parte integrante dell’Item System.

 

D: Avete in progetto l’iserimento di un sistema per gli scambi commerciali nel gioco? Questo sarà accessibile anche mentre non si è loggati grazie alle applicazioni per Smartphone e Browser Web che state sviluppando?

Non stiamo parlando molto dei vari livelli di complessità di questi sistemi di base. Dobbiamo sperimentare questi sistemi per cercare di migliorarli col tempo. Avremo qualcosa di simile a un Mercato, ma è qualcosa di cui per il momento non desideriamo parlare, e possiamo solo dire che è nostra intenzione inserire un robusto sistema di mercato.

D: Potete dirci se state tenendo in considerazione il Gioco di Ruolo? A molti giocatori piace immedesimarsi nell’ambientazione. Pensate di sfruttare il sistema di eventi per incentivare questo aspetto, eventualmente con l’intervento dei GM nel monitoraggio?

Personalmente amo molto la storia e l’esplorazione del lore, dunque sono molto più interessato di alcuni miei colleghi al gioco di ruolo. Noi riteniamo che vi siano tre tipi di giocatori: il giocatore solitario, che vuol solo interagire con il mondo che lo circonda; il giocatore di gruppo/gilda, che cerca compagni con cui fare gioco di ruolo e interagire con il mondo circostante; e infine i giocatori che non sono interessati al gioco di ruolo e neppure vogliono essere costretti a farlo.
Dunque, abbiamo sviluppato l’intero mondo tenendo in considerazione questi tre tipi di popolazione, così il giocatore ha la sua storia da poter fare anche in solitario o con un gruppo di amici, ma non è obbligatorio seguire la propria storia se non lo si vuole. Poi abbiamo il sistema di eventi, in cui un giocatore (o un gruppo di giocatori) può partecipare e dare il suo contributo. Ad esempio, un Gilda può decidere di voler liberare Kryta da Centauri, e dunque potrà partecipare agli eventi che li coinvolgono per ricacciarli e portare una drastica riduzione del loro numero sul territorio, e poter dire, alla fine, di “Siamo stati l’unica Gilda che ha lottato per la liberazione di Kryta dalla minaccia dei Centauri. Potrete fare gioco di ruolo in modi simili a questo con la vostra Gilda, oppure anche come personaggi solitari.

Ma i giocatori che non vogliono fare gioco di ruolo non saranno obbligati a farlo. Potranno semplicemente partecipare agli eventi che ritengono più divertenti, potranno giocare la loro storia personale se sono dell’umore giusto, ma non saranno obbligati a seguirla, e potranno visitare mappe completamente differenti senza bisogno di rimanere in linea con la storia o con il gioco di ruolo.

D: Offrirete dei contenuti aggiuntivi gratuiti per GW2 (nuove ambientazioni, nuove armi e armature, dungeons, etc) o metterete a disposizione solo contenuti a pagamento?

Stiamo ancora sviluppando il gioco ed una cosa è certa… lasciate stare per il momento queste cose sul futuro di GW2. Una cosa che faremo certamente dopo che il gioco sarà stato rilasciato sarà valutare ciò che i giocatori vogliono maggiormente, come nuovi dungeon, aggiunte alla storia personale, etc; noi ascolteremo le richieste dei fan come sempre… ma aspettate almeno che il gioco venga rilasciato e non pensate già a quello che che accadrà dopo.

Come ho detto, stiamo realizzando il gioco per i nostri giocatori perchè se essi si divertiranno con il nostro gioco sarà un bene anche per noi. La decisione finale naturalmente spetta sempre alla compagnia, ma come ho già detto, noi ascoltiamo i nostri giocatori.

 

D: Credete che i contenuti di gioco siano sufficientemente ben bilanciati durante la fase di leveling? Avremo una grande quantità di contenuti all’inizio del gioco, per poi ritrovarci a grindare nella fase intermedia in modo da raggiungere gli altri contenuti maggiori nella parte end-game?

Penso che stiamo realmente cercando di far uscire il gioco dai paradigmi classici in cui si deve avere questa sorta di lungo gioco intermedio ricco di grind solo per arrivare all’end-game dove trovare nuovamente il divertimento. Stiamo cercando di trovare un attento bilanciamento e una buona distribuzione del divertimento attraverso tutto il gioco – ma abbiamo già raggiunto questo punto? No, serve un lungo processo di sviluppo per arrivarci, poichè il bilanciamento è qualcosa che richiede molto tempo e lavoro, e ogni giorno devo verificare centinaia e centinaia di numeri per cercare di raggiungere un tale obiettivo.
Ma la nostra filosofia è quella di fare in modo che ogni giorno, quando loggate nel gioco, voi possiate giocare e percepire una progressione che sia sufficientemente rapida e divertente. Non dovrete stare nell’attesa di raggiungere il gioco vero e proprio, ne dovrete andare nel luogo giusto dove le cose diventano divertenti. Ci sono molte parti di GW2 che risultano piacevoli e divertenti già di per se, come nel caso di contenuti quali gli eventi dinamici o la storia personale. Stiamo cercando di creare un gioco in cui possiate loggare e trovare ogni volta qualcosa di diverso da fare. Sarà difficile raggiungere questo obiettivo ma siamo già molto contenti e fieri di ciò che abbiamo prodotto fino a questo punto.

Una cosa che abbiamo cercato di sviluppare molto è quella di rendere la vostra storia divertente, non esiste un “troppo divertimento” da evitare, perciò abbiamo cercato di rendere le cose il più divertenti possibile. La storia offre molta ri-giocabilità, dunque potrete creare un nuovo personaggio, scegliere cose diverse nella biografia, ed ottenere un’esperienza di gioco molto diversa, perchè vedrete la storia da una diversa prospettiva e con elementi completamente differenti.

D: Cosa avete pianificato a lungo termine per i contenuti? Ci saranno cose da fare una volta terminata la storia personale?

Qui si torna al concetto di ri-giocabilità: se avete completato la storia personale una volta con un personaggio umano potrete ancora trovare una storia completamente diversa con un norn o un charr. Anche seguendo una stessa trama, la vedreste comunque dal punto di vista del nuovo personaggio, ma potreste anche vedere una storia molto diversa, perchè umani, norn e charr iniziano la loro avventura con storie differenti. Quando arrivate alla fine del gioco, anche se avete completato la storia, ci sono un sacco di altre cose da fare, ci sono molte mappe da esplorare, eventi, attività, e poi naturalmente il PvP che potrà tenervi occupati all’infinito nella sua vastità.

I contenuti sono pensati per favorire la ri-giocabilità, gli eventi possono modificare l’aspetto del mondo, e anche i nostri dungeon offrono una grande ripetitibilità. Quando arrivate alla fine del nostro gioco potrete decidere di ri-giocarlo da capo ancora e ancora, dunque non è nostra intenzione creare un bilanciamento tale per cui la maggior parte dei contenuti si concentrino ad esempio nell’end-game, ma viceversa molti contenuti sono aperti e accessibili in modo che possiate ripartire con cinque diversi personaggi per ognuna delle cinque razze e trovare con ognuna un’esperienza di gioco molto diversa.

D: Parliamo delle recenti novità. Avete annunciato lo sviluppo di applicazioni esterne su tre diversi sistemi, includerete anche windows 7 mobile?

Attualmente siamo focalizzati sulla realizzazione del GW extended experience per PC, Android e Iphone ma questo non vuol dire che non siamo interessati alle altre piattaforme per il futuro, ma attualmente lo sviluppo riguarda solo queste tre.

D: Una data di uscita?

Quando sarà pronto. So che sembra una risposta molto generica in questa industria, ma vogliamo rendere il gioco il più perfetto possibile, perciò lo rilasceremo solo quando sarà funzionante al meglio in ogni sua parte. Non è una frase fatta… intendiamo veramente “quando sarà pronto”.

 
2 commenti

Pubblicato da su 30 ottobre 2010 in Gameplay, Generiche

 

Tag: , ,

2 risposte a “Intervista dal Paris Games Week

  1. Falcon01

    2 novembre 2010 at 11:15

    gia ogni risp che danno porta alla fine questa dicitura…
    n si sbilanciano troppo,dovremmo aspettare un pò per avere delle news corpose.Speriamo entro la fine dell’anno di avere altre belle news e una nuova classe *_*

     
  2. ste

    31 ottobre 2010 at 13:10

    uff… ormai le risposte alle interviste sono solo più:
    “E’ un aspetto importante del gioco ma non possiamo rilasciare ulteriori dettagli…”

     

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: